• Image 34
  • Image 23
  • Image 29
  • Image 25
  • Image 42
  • Image 33

GP a Mito 2016 - A Torino il 18 settembre, al Conservatorio alle 21, e in replica il 19 al Teatro Dal Verme di Milano, Giampaolo Pretto condurrà l'Orchestra Giovanile Italiana nei due più famosi concerti per pianoforte in do minore, interpretati da Andrea Lucchesini: il terzo concerto di Beethoven e il K 491 di Mozart.

Il concerto del 18 sarà trasmesso in diretta radiofonica su RadioTre.

 

SCAMBIO DI RUOLO
Wolfgang Amadeus Mozart
Concerto in do minore per pianoforte e orchestra K. 491
Ludwig van Beethoven
Concerto n. 3 in do minore per pianoforte e orchestra op. 37
Orchestra Giovanile Italiana
Giampaolo Pretto, direttore
Andrea Lucchesini, pianoforte

Posto unico numerato € 20

 

SCAMBIO DI RUOLO
Wolfgang Amadeus Mozart
Concerto in do minore per pianoforte e orchestra K. 491§
Ludwig van Beethoven
Concerto n. 3 in do minore per pianoforte e orchestra op. 37
Orchestra Giovanile Italiana
Giampaolo Pretto, direttore
Andrea Lucchesini, pianoforte

Posto unico numerato € 20

 

 

 


Giampaolo Pretto -



GP al Torino Classical Music Festival 2016

FIESOLE, DICEMBRE 2016 - GIUGNO 2017
CORSO DI MUSICA DA CAMERA TENUTO DA GIAMPAOLO PRETTO

Come di consueto partirà da dicembre, per i Corsi di perfezionamento della Scuola di Musica di Fiesole, il corso di Musica da Camera tenuto da Giampaolo Pretto: la novità di quest'anno è che il corso sarà rivolto a qualsiasi tipo di formazione, con o senza strumenti a fiato al suo interno, a partire dal duo in avanti.
I stage 3-6 dicembre 2016.
Per ulteriori informazioni premere qui


Giampaolo Pretto - Nine Rooms, per flauto, violoncello e archi

premi qui per accedere ai tutorial completi
click here to see all the tutorials

"Debussy l'antidilettante" - Michele Dall'Ongaro intervista Giampaolo Pretto

GP con Virgilio Sieni: "Nei volti", Marsiglia novembre 2011

Glauco Cambursano
29.5.1936 - 13.7.2014

Ciao Glauco. Per 31 anni mi hai onorato della tua amicizia, mi hai abbracciato col tuo ironico e burbero affetto, mi hai insegnato quasi tutto quello che so quasi scusandoti, senza mai far pesare la tua grandezza, con una vena di leggerezza unica, col tuo inimitabile distacco dell'intelletto che è visione, condivisione, vitalità, amore per tutto ció che vale veramente, da qualsiasi parte provenga. Quante volte mi hai raccontato quanto fu drammatico perdere il tuo, di Maestro, Clerici. Oggi sono come te allora: grato ma monco della presenza di un grande, grandissimo Uomo.

La pagina facebook a lui dedicata